mercoledì 8 marzo 2017

SKINCARE | AM Routine (pelle mista/grassa)

Ve l'avevo promesso, me l'avevate chiesto, ed eccomi qui a blaterare di cose a caso di cui so poco, ma che mi fanno stare bene.

Devo fare una premessa: non sono un'esperta di skincare (mammanco di makeup, eh) ed è da circa un annetto che mi sono cimentata nella meravigliosa arte del "lavarsi la faccia con cognizione di causa", perciò non dirò che fino a qualche tempo fa lavavo il viso con la saponetta delle mani e che non mettevo creme di nessun tipo fino a che la pelle non ha iniziato a sgretolarsi e ho dovuto porvi rimedio ASAP. Oppure lo dico e poi vado a nascondermi dalla vergogna. Insomma, nessuno è perfetto e io non avevo idea di quante meraviglie offrisse il mondo della skincare, che proprio ci dice di "prenderci cura della pelle", Silvia. Le parole sono importanti, sah?

Ma bando alle ciance e andiamo per gradi sui pochi step che utilizzo di giorno per lavarmi la faccia.

DETERGERE




Probabilmente lo step più importante di tutti, togliere via le impurità dal viso accumulate dal giorno prima (nonostante mi sia lavata il viso seguendo tutti gli step necessari) e durante la notte. Per fare ciò uso un detergente delicato e dell'acqua tiepida: semplice semplice. Negli ultimi tempi ho utilizzato il detergente al pompelmo di TonyMoly (ne ho parlato qui), durato una vita perché era un tubo gigante e non voleva finire, ma ho perseverato per levarmelo dai piedi. Ultimamente, invece, sto provando il Kiko Pure Clean Foam purificante per pelli normali e miste, un detergente in mousse che non mi dispiace affatto con il suo odore delicato e che lascia la pelle morbida e vellutata al tocco; ma quello che mi ha fatto battere il cuore è stato sicuramente lo scrub giornaliero Yes To Grapefruit al pompelmo rosa (dal profumo delicato e paradisiaco), che spero di ritrovare presto e farne scorta perché mi è piaciuto da matti. Usare uno scrub tutti i giorni non è il massimo, lo riconosco, ma questo è di una delicatezza unica, i granelli sono così leggeri e non spessi da sentirli a malapena, ma il risultato una volta asciugato il viso è spettacolare. La pelle è levigata e morbidissima.

Non sempre, ma quando mi ricordo, uso anche una spazzola simil Clarisonic (la mia è di Imetec Bellissima) per fare una pulizia più profonda. La userei anche tutti i giorni ma sono molto pigra, quindi lasciamo in sospeso questa frase e proseguiamo. La cosa più importante della detersione, secondo me, soprattutto se vivete in casa con la famiglia o altre persone, è di usare un pannetto personale per asciugare il viso. Io negli anni ho notato la differenza nella diminuzione di acne e di brufoli straordinari. Non quelli da ciclo, intendiamoci, ma proprio quelli da contaminazione con le impurità lasciate sull'asciugamano da altri membri della famiglia. La cosa non è così grave come sembra, però personalmente preferisco asciugare il viso nel mio panno personale e lavarlo quando necessario (ogni settimana se mi trucco pochissimo, altrimenti a distanza di qualche giorno ne cambio uno o due). Insomma, secondo me la pulizia del viso passa anche da queste piccole cose che io cerco di non dimenticare più per avere una pelle se non altro decente.

TONIFICARE


Una volta asciugato il viso, con un dischetto levatrucco passo un po' di tonico rinfrescante su tutto il viso, sotto gli occhi e sul collo. Ovviamente parlo della mia adorata Acqua di Rose Roberts, prodotto mai più senza per qualità prezzo. Nessun miracolo, non divento Angelina Jolie istantaneamente, ma la sensazione di benessere è immediata e mi dà quella botta di sveglia mattutina che mi serve per affrontare la giornata di lavoro.

PREVENIRE


Questo è uno step piuttosto nuovo per me e, devo dire, ancora sconosciuto per la maggior parte. Da quando quella mascalzona di Drama&Makeup ha parlato del marchio The Ordinary sul suo blog, ho dovuto per forza provare questa linea di skincare così curiosa per la qualità e il prezzo. Ho acquistato da Maquillalia solo due pezzi per il momento (ora vorrei provare anche il siero alla caffeina per le occhiaie, secondo me quello è la svolta!), uno di questi è il Vitamic C Suspension 23% + HA Spheres 2%, una sospensione di acido ascorbico (Vitamina C) che non contiene né acqua né siliconi ma ha delle mini sferette di acido ialuronico. Questo siero, che si può utilizzare giorno e notte (ma se uscite al sole, The Ordinary stessa consiglia di mettere sopra una protezione UV alta per proteggere la pelle), promette di illuminare e di proteggere la pelle dai segni dell'invecchiamento. Io al momento non credo di avere rughe o segni evidenti di invecchiamento, ma quest'anno sono 28 anni ed è arrivato il momento di pensare nel lungo termine. Non che mi spaventi invecchiare, ma se si può fare qualcosa per rimanere toniche e giovani, perché no? Comunque, per quanto riguarda prodotti del genere, credo che i risultati in questi casi non siano immediati, si parla di segni dell'invecchiamento non mi miracoli, quindi ecco... Non ho visto risultati evidenti, ma aspetto ancora qualche mese prima di capire se è stato totalmente inutile o se sarà servito a qualcosa. Il siero, una volta applicato sul viso, provoca una leggerissima sensazione di pizzicore non fastidiosa. Chiaramente io vi direi di provarlo prima su una piccola porzione di pelle, perché so di persone che hanno avuto reazioni anche violente. Infine, consiglio di usarlo dopo gli step citati qui sopra e prima di oli o creme nutrienti, perché altrimenti il siero non penetrerebbe nella pelle a sufficienza.

Devo però specificare che questo è uno step che non sempre faccio e mi limito a usare questo siero solo quando sto in casa e non devo truccarmi. Come prodotto lascia la pelle molto oleosa quindi sotto il trucco verrebbe un patrocchio. In alternativa, a volte lo uso solo la sera, ma mai quando uso prodotti esfolianti, per non esagerare nell'uso di acidi.

IDRATARE


Infine, i due ultimi step riguardano l'idratazione della pelle, anche per chi ha la pellaccia grassa come me. Fidatevi: serve eccome. Per prima cosa, passo una crema contorno occhi, in questo momento uso la Anti-puff eye gel alla salvia di Ziaja. Per la mattina preferisco decisamente un gel, che sia rinfrescante sotto l'occhio e che mi aiuti a svegliare lo sguardo in pochi secondi. Anche qui nulla di miracoloso, ho trovato questa marca su Maquillalia e non mi dispiace affatto, se non altro perché i prodotti sono ottimi e a un prezzo fantastico! Per completare il tutto, applico un po' della mia crema Ultra Repair di First Aid Beauty, che uso indifferentemente sia il giorno che la notte, perché non è eccessivamente corposa e si asciuga facilmente, in fretta e idrata alla perfezione. Per un bel po' di tempo invece ho usato la Crema Eterea per pelli grasse di Neve Cosmetics e consiglio anche lei come crema da giorno dall'assorbimento veloce, idrata il giusto e non lascia la pelle unta.

THE EXTRA STEP



Questo step (che ho messo alla fine perché è saltuario ma andrebbe svolto prima di tutta la skincare sopracitata) è qualcosa che faccio una o due volte a settimana, senza esagerare. Nel mio caso, dopo una doccia calda che mi aiuta ad aprire i pori, uso la mia maschera fresca preferita di Lush, la Mascherita Piperita. La menta mi sveglia e mi dà una botta di freschezza, oltre a lasciarmi la pelle morbida, vellutata e visibilmente più pulita. Capita che usi altre maschere per cambiare un po' (ma alcune le uso solo la sera, perché mi rilassano un sacco prima di dormire) e di solito sono sempre rinfrescanti come questa, ma alla fine torno sempre da lei. La adoro, la tengo in frigo e mi dura molto più della scadenza riportata - scusa Lush, lo so che starai rabbrividendo, ma nel frigo si tiene bene e dura quindi stacce.

E questo è tutto per la mia skincare mattutina. A breve pubblicherò anche la seconda parte riguardante la skincare serale. Queste, vorrei specificarlo, per me sono coccole alla mia persona, non dettami obbligatori. Io arrivo da un passato di saponi per le mani sulla faccia, quindi farei bene a stare zitta, ma quello che intendo è che ognuno ha una pelle diversa ed è bene sperimentare ma con cautela, così che ognuno possa trovare la propria skincare e stare bene con se stessi. Perciò prendete questi prodotti con le pinze e assicuratevi che vadano bene per voi, se mai voleste provarli.

A questo proposito, vorrei indirizzarvi a un video di Stephanie Nicoleforse uno dei più istruttivi in materia, in cui parla dei suoi prodotti preferiti ma soprattutto spiega tutti i passaggi corretti e in che ordine eseguirli, per avere il massimo dalla vostra skincare. Da quando ho visto quel video (sono due in realtà, qui la parte PM) ho iniziato a seguire i suoi step e direi che sono game-changing.

Alla prossima!

Nessun commento:

Posta un commento